Facebook va avanti con la trasparenza


Facebook annuncia più trasparenza per le pagine e gli annunci pubblicitari, così da mettere a disposizione degli utenti più informazioni sui proprietari delle pagine e gli inserzionisti.

Lo scandalo Cambridge Analytica fa sentire i suoi strascichi: al fine di evitare abusi sulla piattaforma, Facebook ha identificato alcuni dei comparti che necessitavano di un maggior controllo ed ha messo a disposizione degli utenti più informazioni sui proprietari delle pagine e gli inserzionisti.

D’ora in poi sarà quindi possibile ‘interrogare’ le pagine che seguite al fine di tracciare eventuali cambiamenti nel nome o visualizzare le inserzioni pubblicitarie pubblicate su Facebook, appunto, su Instagrama e i prodotti delle aziende, tutto per rendere la pubblicità più trasparente.

Sarà anche possibile vedere le inserzioni che non vengono visualizzate nella vostra sezione Notizie, e che altrimenti non potrete vedere perché magari non fate parte del pubblico di destinazione dell’inserzionista.

L’obiettivo è evitare il dilagare di campagne dagli oscuri contorni come accadde appunto con le elezioni presidenziali statunitensi.